Viaggiare in Giappone

Visto turistico in Giappone

Condividi:



In base agli accordi tra i governi italiano e giapponese, il visto turistico per il Giappone (Temporary Visitor) ha una validità di 3 mesi e viene attribuito automaticamente al cittadino italiano con passaporto in corso di validità al momento dell’arrivo in aeroporto.

Per velocizzare la procedura, prima dell’atterraggio il personale di volo ti chiederà di compilare una cartolina che presenterai all’ufficiale al momento dei controlli doganali. La cartolina riporta informazioni quali la tua identità, scopo della visita, durata del soggiorno, indirizzo in Giappone, aeroporto d’arrivo, numero del volo etc.

L’ufficiale doganale potrebbe chiederti ulteriori informazioni qualora la durata del tuo soggiorno sia rilevante (es. un mese o più) ed eventualmente di mostrare una prova delle tue risorse economiche quali ad es. una carta di credito. Il motivo è che in passato sono stati in molti quelli che sono entrati in Giappone col visto turistico per poi restare illegalmente nel paese.

Il visto turistico non consente di lavorare.

Chi lavora illegalmente in Giappone allo scadere del visto turistico viaggia per qualche settimana in un paese vicino come la Corea del Sud per poi rientrare con un nuovo visto. Questa pratica è fortemente sconsigliata. Le sanzioni per chi lavora illegalmente in Giappone comprendono multe, reclusione, rimpatrio forzato e divieto di rientrare in Giappone dai 5 ai 10 anni.

Condividi: