Studiare in Giappone

Ottenere un visto studentesco per il Giappone

Condividi:



La domanda di visto studentesco per il Giappone può essere presentata in Italia presso l’Ambasciata Giapponese a Roma o presso il Consolato Generale del Giappone a Milano, previa iscrizione a un corso presso una scuola di lingua in Giappone, un’istituto universitario, scuola di specializzazione o altro. Per maggiori informazioni è possibile consultare i seguenti link:

All’atto di presentazione della domanda dovrai consegnare:

  • Il modulo debitamente compilato e firmato
  • Prova dell’iscrizione al corso di studi
  • Un documento che attesta che possiedi risorse sufficienti per mantenerti in Giappone lungo tutto il periodo di residenza, normalmente un estratto conto bancario intestato a un genitore. È necessario che l’estratto conto sia timbrato e firmato da un responsabile di filiale. Poiché questa non è una procedura regolare in Italia, chiedi appuntamento al responsabile di filiale spiegando la situazione
  • Una lettera di garanzia compilata e firmata da un genitore, parente di primo grado o altro che si impegna a sostenere le tue spese in Giappone
  • Una lettera di garanzia firmata da un cittadino giapponese che si impegna a rispondere per te legalmente in caso di problemi. Solitamente è la scuola o istituto che rilascia questo tipo di documento
  • Una prova del tuo domicilio in Giappone

In alternativa chi si trova già in Giappone come turista o con altro visto può richiedere la conversione in visto studentesco presso l’ufficio immigrazione di competenza. La lista degli uffici competenti per territorio è disponibile al seguente link:

In questo caso si tratterà non di domanda ex-novo ma di richiesta di conversione di visto e sarà necessario presentare un modulo diverso. Valgono tutti i documenti presentati al punto precedente. La scuola o istituto si incaricheranno di presentare la pratica al posto tuo. Ti verrà richiesto inoltre il pagamento dei diritti di bollo (収入印紙shūnyū inshi) per il valore di circa € 40,00.

Un visto studentesco è necessario per qualunque corso di studi superiore ai tre mesi. Per corsi di tre mesi o meno è sufficiente il semplice visto turistico. Nota che il visto turistico non consente di lavorare, per cui non potrai svolgere nessuna attività part-time nel tuo periodo di studi.

Il visto studentesco per il Giappone consente di svolgere attività lavorativa per un massimo di 28 ore settimanali ma è condizionato al mantenimento della frequenza e al completamento degli esami di profitto. Inoltre il permesso di svolgere attività lavorative non è concesso in automatico ma va richiesto separatamente all’atto di presentazione della domanda. Solitamente il permesso di svolgere attività lavorativa viene concesso dopo 3 mesi dall’inizio del corso o comunque dopo accertamento della regolarità della frequenza.

I visti di studio per il Giappone sono suddivisi nelle seguenti categorie:

  • For Cultural Activities * (attivita di studio della cultura giapponese)
  • As College Student * (attivita di studio)
  • As Precollege Student * (attivita di studio)

Il visto studentesco richiede la frequenza ad almeno l’80% delle ore di corso. In caso contrario il visto può essere revocato.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.